Adozioni: Maltha e Wilandy - Unitretirano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tappe significative

Adozioni di Maltha e Wilandy


Maltha è la piccola ruandese di 9 anni che L'UNITRE di Tirano "ha adottato", in seguito alla lezione tenuta dal dr. Martino Ghilotti sulla sua esperienza in Rwanda, piccola Africa, il paese dalle mille colline, uscito da poco da una tragica e feroce guerra civile.
Seguiremo nel corso degli anni tutte le vicende più importanti della vita di Maltha e potremo essere i compagni di viaggio nel difficile cammino della sua crescita.
E' bello che il "vivere la speranza", tema dell'anno della nostra Unitre, possa permettere a Maltha di studiare e sperare in un futuro migliore.
L'adozione è avvenuta tramite l'associazione Kwizera onlus (www.kwizera.it), che in ruandese significa speranza.
Al centro: Foto di Maltha inviata da Martino Ghilotti nel mese di settembre 2010






Wilandy
vive a Tendron, uno dei villaggi più poveri dell’isola della Tortuga (Haiti) e frequenta la prescolaire, la nostra scuola dell’infanzia.

L’adozione, avvenuta dopo la lezione tenuta da Andrea Tomasi (un anno dopo il terremoto ad Haiti), rientra nel progetto Sostegno a distanza TI MOUN YO”, che in creolo vuol dire BAMBINI.

Il progetto è realizzato dall’Associazione di volontariato ANPIL con la collaborazione dei missionari “Fratelli delle Scuole Cristiane” e con le “Suore Servantes Lasalliennes de Jésus” ed è finalizzato a consentire l’accesso gratuito all’istruzione dei bambini di strada o che sono vittime di sfruttamento economico.






Wilandy, 2011

Un viaggio nel Rwanda, piccola Africa” fu il tema di una testimonianza resa da un volontario dell’associazione Kwizera, una onlus attiva in quel paese africano, in un incontro dell’Unitre, nel gennaio del 2010. Quell’incontro ha indirettamente segnato le successive missioni dei volontari dell’Associazione Kwizera che ogni anno si recano per un paio di settimane nella terra delle mille colline, per seguire i vecchi progetti e promuoverne di nuovi a favore delle popolazioni locali.

Infatti, anche in occasione della missione che ha avuto luogo nelle seconda metà del mese di febbraio scorso, nel consueto incontro che ad ogni missione si ha con ognuno dei bambini inseriti nel Progetto Adozioni a distanza, promosso da Kwizera, per verificare il loro stato di salute e il loro percorso scolastico, abbiamo avuto l’occasione di incontrare anche Maltha, la ragazza rappresentata nella foto che pubblichiamo, che l’Unitre volle adottare proprio all’indomani dell’incontro del 2010, quando aveva solo nove anni.

E’ bello incontrare, anno dopo anno, questa ragazza, appartenente a una famiglia povera, che grazie al sostegno offerto dagli associati all’Unitre ha potuto frequentare con profitto le scuole dell’obbligo, e seguire i suoi progressi scolastici, a partire dal primo ciclo di sei anni a quello successivo di tre, con la possibilità di ultimare i tre anni finali delle le secondarie.

Ma la Missione 2016 non si è limitata all’incontro con i bambini delle adozioni; infatti, ha visto anche quello con i piccoli frequentanti l’asilo Carlin che l’Ass. Kwizera ha realizzato e gestisce nel villaggio di Kagera, in una delle zone più povere della campagna rwandese, dove tre insegnanti si prendono cura di un centinaio di bambini. Senza dimenticare la distribuzione di dieci borse di studio ad altrettanti studenti meritevoli e bisognosi del Piccolo seminario di Rwesero.

Ma la missione dei volontari dell’Associazione Kwizera è stata anche tanto altro. Chi fosse interessato, magari per rituffarsi nei ricordi di quella testimonianza del 2010, potrà farsene un’idea consultando il diario della missione cliccando sull'indirizzo qui sotto:
http://alberwandesi.blogspot.it/search/label/Diario%20Missione%202016

Marzo 2016 - Martino Ghilotti

 
Torna ai contenuti | Torna al menu